Archivi tag: vinforma

FIANO DI MONTEFREDANE

Lascia un commento

luglio 16, 2017 · 09:46

VINALIA 2017

Guardia Sanframondi (Bn): E’ già Vinalia 2017 con il rating sulla Falanghina 2016

L’incontro, fissato per giovedì prossimo 22 giugno nella sala assemblee de “La Guardiense”, è organizzato e gestito dal Consorzio Tutela Vini Sannio, dall’Assoenologi Campania con il supporto dell’AIS Benevento

 

  Mancano ancora oltre quaranta giorni alla XXIV edizione ma è già Vinalia, l’appuntamento enogastronomico promosso dal Circolo Viticoltori e organizzato dal Comitato Vinalia, in programma a Guardia Sanframondi (Bn) dal 4 al 10 agosto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Altro

AGLIANICO del TABURNO VENDEMMIA 2013

 

 

Riportando un punteggio di 87/100, la vendemmia 2013 dell’Aglianico del Taburno Docg (Denominazione di origine controllata e garantita) si attesta come un’ottima annata. E’ questo il giudizio emerso dal rating organizzato dal Sannio Consorzio Tutela Vini, che con quest’iniziativa da tre anni affida, ad autorevoli professionisti specializzati, il compito di valutare le vendemmie delle denominazioni di origine sannite, allo scopo di creare una banca dati tale da identificarne le specificità su base pluriennale, uno strumento ricco d’informazioni tecniche ed edonistiche a disposizione delle aziende che producono sul territorio e dei consumatori che hanno bisogno di conoscerlo.

A valutare il profilo qualitativo della vendemmia 2013 dell’Aglianico del Taburno Docg sono stati i professionisti di Assoenologi Campania: dieci enologi – esperti di tale tipologia di vino, con conoscenza profonda del territorio – che hanno svolto un’attenta degustazione sotto lo sguardo interessato dei ragazzi dell’Istituto agrario ‘Mario Vetrone’ di Piano Cappelle a Benevento. La scuola, che fa parte dell’Istituto d’istruzione superiore ‘Galilei-Vetrone’ guidato da Grazia Pedicini, ha infatti aperto con entusiasmo le proprie porte all’esperienza del rating, con l’obiettivo di stimolare gli scambi relazionali con i professionisti del campo vitivinicolo, offrendo al tempo stesso agli studenti la possibilità di partecipare ad una attività qualificante per la propria crescita formativa.

Le valutazioni sono state effettuate secondo il metodo Union Internationale Des Oenologues su campioni precedentemente anonimizzati. Tale metodo prevede che per valori pari a 100 i vini sono da considerare eccellenti; per valori pari o superiori a 86 i vini sono da considerare ottimi; per valori pari o superiori a 72 sono da considerare buoni. Il punteggio medio generale conseguito è stato di 87/100, facendo così attestare il giudizio qualitativo globale sul valore di ottimo.

Si tratta di un giudizio particolarmente soddisfacente, che migliora il punteggio assegnato alla vendemmia precedente della stessa denominazione, che si attestò sul giudizio di 86/100. Un sensibile miglioramento qualitativo, segnale della sempre maggiore attenzione messa in campo dalle cantine sannite, anche in considerazione del fatto che per la provincia di Benevento quella del 2013 è passata agli archivi come una stagione segnata da un andamento climatico piuttosto anomalo. Nel complesso è stata una vendemmia non semplice, ricca di eterogeneità, con un elevato livello qualitativo raggiunto solo dove è stato fatto un attento e scrupoloso lavoro in vigna. Il risultato ottenuto è dunque frutto soprattutto di un’attenta gestione delle vigne, con la varietà che è stata raccolta nelle tempistiche classiche, cosa che non si verificava da un po’ di anni. Ne sono emersi vini caratterizzati da elevati livelli di acidità e apprezzabili espressioni aromatiche, con corposità e struttura più snelli, ma con profili distinti per eleganza e finezza. Tutte le valutazioni dei campioni degustati – si legge nella nota riassuntiva firmata dal presidente di Assoenologi Campania, Roberto Di Meo – hanno riportato giudizi rimarcanti una tonalità molto viva del colore, piacevoli note di frutti rossi e viola nel profilo olfattivo, freschezza, scorrevolezza e minore concentrazione del solito nel profilo gustativo, in perfetta coerenza con le caratteristiche dell’annata 2013 nell’espressione varietale dell’Aglianico del Taburno.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Altro

CENTRALITA’ DELLE ZONE RURALI A CASALBORE

Le aree rurali in cammino verso lo sviluppo turistico: incontro a Casalbore il 6 maggio 2017

All’iniziativa organizzata da Slow Tourism Campania parteciperanno rappresentanti di enti ed istituzioni interessati allo sviluppo sostenibile delle aree interne.

Dopo le celebrazioni per i suoi primi 800 anni di storia, ancora una volta la Torre Normanna di Casalbore (AV), sede del Museo dei Castelli, sarà al centro della discussione sulle strategie di sviluppo turistico in regione Campania, con il Convegno dal titolo “Le aree rurali in cammino verso lo sviluppo turistico”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Altro

LA PROMOZIONE DEL TABURNO

 

 

 

 

Comunicato Stampa
VinoEspresso – Taburno Discovery un viaggio alla scoperta di eccellenze enogastronomiche nel Taburno

Dall’iniziativa di 3 appassionati di moto, cibo e soprattutto vino, nasce l’idea di Vino Espresso.
Lo scopo è quello di far conoscere ed apprezzare un territorio ancora poco conosciuto dal turismo enogastronomico campano, il Taburno. A realizzare l’idea saranno Giovanni, sommelier e biker, lo Chef Daniele Luongo, dalla sua Locanda della Luna in prestito al Taburno, Piera, aspirante sommelier ed eno-appassionata ed il Moto Club Franco Gabrieli.
Lo scenario è il Taburno, con la sua ricchezza gastronomica legata soprattutto alla produzione di formaggi vino, prodotti lattiero-caseari e i suoi tartufi (in collaborazione con Capasso Tartufi). Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Altro

CASTELLI DI CASALBORE

casalboreRiceviamo e pubblichiamo.

 

 

 

 

Museo dei Castelli di Casalbore: al via la stagione di apertura con gli istituti scolastici

L’unico percorso didattico-espositivo dedicato alla valorizzazione dei castelli e delle fortificazioni della provincia di Avellino riapre al pubblico dopo la pausa invernale. Obiettivo: superar ei risultati della scorsa stagione.

Dopo lo straordinario risultato di presenze raggiunto con la stagione turistica 2016, il “Museo dei Castelli”, unico percorso didattico-espositivo dedicato ai castelli e alle fortificazioni della provincia di Avellino, ospitato presso l’area castellare di Casalbore (AV), riapre le porte al pubblico a partire da venerdì 3 marzo. Oltre 20.000 visitatori, di cui circa 8.000 alunni degli istituti scolastici della Campania, hanno visitato la Torre Normanna di Casalbore, simbolo del borgo irpino, che dal 2013 ospita le immagini fotografiche della mostra “Immagini come appunti di viaggio” di Giuseppe Ottaiano, arricchite da preziose informazioni sulle vicende legate al processo di incastellamento in provincia di Avellino, oltreché da contenuti e laboratori didattici. Il “Museo dei Castelli”, realizzato dall’Associazione Culturale Terre di Campania in collaborazione con il Comune di Casalbore, consente a studenti di ogni età, gruppi organizzati di visitatori e singoli viaggiatori ed escursionisti di vivere una o più giornate all’insegna della scoperta della storia e del gusto tipico locale, offrendo la possibilità di compiere, stando in un’unica location, un viaggio attraverso l’intero patrimonio di siti di incastellamento presenti sul territorio irpino. Il progetto, che continua a richiamare flussi turistici sempre crescenti, ha spinto, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Altro

PICCOLO VIGNETO

vigneto-picc

 

 

 

 

Mi chiedono se un comune cittadino, non impegnato in attività agricola, può impiantare un vigneto per   autoconsumo senza chiedere autorizzazioni.

Ebbene la situazione attuale, disciplinata da un Decreto Ministeriale emanato a fine 2015, prevede nuove normative, più stringenti, per autorizzare nuovi impianti, in ogni caso sono previsti dei casi di esenzione tra i quali i vigneti destinati, esclusivamente al consumo familiare del conduttore. Sarà sufficiente comunicare alla regione competente l’intenzione di voler fare l’impianto con alcune specifiche che differiscono da regione e regione. Ricordo che la superficie vitata non deve superare i 1.000 mq, cioè la decima parte di un ettaro, e che il vino prodotto non può essere messo in vendita.

 

Lascia un commento

Archiviato in Altro