FALANGHINA DONNA LAURA

 

frattasi4Tra le tante cose che mi capita di fare in questa “seconda vita” lavorativa, vi è l’attività  di sommelier nella brigata di sevizio AIS di Benevento, ebbene negli ultimi eventi mi è capitato di gestire i vini della Cantina Masseria Frattasi, azienda emergente di Montesarchio (Bn), il che mi ha procurato un surplus di lavoro perché suscita molto interesse e quindi molte domande e considerazioni.

Gli “enoappassionati” promuovono a pieni voti sia l’ Aglianico Kapnios da me già trattato in un post precedente, che la Falanghina Donna Laura.

Molti addetti ai lavori, inclusi molti miei colleghi sommeliers, criticano questi vini perché snaturano i nostri vitigni, io ritengo che si debba giudicare il vino per quello che è, ossia, è piacevole? E’ bene fatto? E’ senza difetti? Si vende? Se le risposte sono: Sì!  L’obiettivo della Cantina è stato raggiunto.

La strada seguita non è condivisa? E chi se ne frega!

Il vitigno, in questo caso, rappresenta un mezzo e non un fine, quando si vogliono aggredire e conquistare nuovi mercati, oggi più che mai necessario per superare la crisi economica, si deve pensare a prodotti che si differenziano dalla massa (si contano circa 200 etichette di Falanghina tra Benevento ed Avellino).

Vendemmiare anticipatamente o tardivamente le uve, rispetto alla maturità tecnologica,  omologano i vitigni, cioè facciamo fatica a riconoscerli, così  accade per i vini bianchi bevuti molto giovani (fruttato a percussione: mela, banana, ananas fresca; benedetti LSA) o molto vecchi (note ossidate: cera, mela stramatura).

Il varietale della nostra Falanghina come per il Greco, il Fiano si manifesta in modo evidente vendemmiando nei tempi giusti, vinificando in acciaio, con un corretto tempo di affinamento in bottiglia.

Gli enologi questo lo sanno bene per cui quando si decide, come nel caso della Falanghina Donna Laura, di fare una vendemmia tardiva, di utilizzare uve parzialmente botritizzate ( mi sembra inverosimile per le nostre condizioni climatiche e per la buccia spessa della nostra Falanghina; è  un  buon elemento di marketing!),  di fare criomacerazione, parziale fermentazione alcolica in barrique, svolgimento della fermentazione malo lattica, affinamento in legno per 6 mesi con battonage, risulta evidente che vi è un progetto che prescinde dal vitigno, potevano anche utilizzare un neutro Trebbiano piuttosto che un Bombino o un Viognier; il risultato sarebbe stato lo stesso. Volgarmente si parla di “chardonnizzazione”.

Il vino piace tantissimo  per oltre il 90% degli enoappassionati, che hanno affollato i saloni di Palazzo Paolo V in occasione della manifestazione Falanghina Felix svoltasi a Benevento, è risultato il più gradito su circa 50 etichette di Falanghina.

E’ criticabile questo progetto? Troppa puzza sotto il naso!

La mia personale degustazione.

Il colore è un bel giallo dorato, molto limpido

All’olfatto grande complessità: floreale di acacia, ginestra; fruttato sia fresco di banana-pesca gialla-mango, che maturo di pesca sciroppata-albicocca, frutta secca  nocciola-mandorla; note speziate di  vaniglia.

In bocca si presenta molto elegante, il sorso riempie la bocca, acidità evidente che lascia poi il posto ad un morbidezza inaspettata con un giusto apporto alcolico. Il vino è di corpo, persistente ed intenso.

Alcool: 14%

Il  punteggio: 88/100

Prezzo in enoteca: circa 14 euro

Abbinamento: risotto agli asparagi, frittata di asparagi ( cattiva consuetudine

abbinarci il Sauvignon B., erbaceo su erbaceo???)

Tagliolini all’uovo con tartufo bianco di Ceppaloni (periodo di raccolta                                  1 ottobre-31 dicembre).

1 Commento

Archiviato in Altro

Una risposta a “FALANGHINA DONNA LAURA

  1. gioovanniespositobn

    La Sig.ra Falanghina sempre in forte crescita, sono convinto per che i prossimi eventi internazionali Vinitaly e Expo2015 ne vedremo delle belle.
    Complimenti per l’articolo e per Masseria Frattasi per il lavoro svolto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...